Cheirodon axelrodi (Pesce Neon Cardinale)

Ordine: Characiformes

Famiglia:  Characidae

Origine: Specie diffusa negli affluenti del Rio Negro e Orinoco

Descrizione: Il neon cardinale (Cheirodon axelrodi) è un pesce di schiera di piccole dimensioni, può raggiungere i 4 cm di lunghezza,  che è caratterizzato da una striatura verde-azzurra che dalla bocca di protrae fino all’attaccatura della pinna caudale. La parte laterale ed inferiore del corpo è di un rosso brillante, mentre il dorso è grigio ed il ventre argenteo. La femmina presenta un aspetto più tozzo rispetto al maschio.

Alimentazione: Si tratta di una specie onnivora che accetta facilmente cibo in scaglie o liofilizzato anche se va ghiotto di cibo fresco come artemie o chironomus congelati.

 

Comportamento e mantenimento: Come già detto è un pesce di schiera che occupa la parte centrale ed inferiore dell’acquario nuotando in piccoli banchi. Sebbene possa stare in vasche modeste per le sue dimensioni minute, è indicato per vasche di grandi dimensioni, magari ricostruendo il suo biotipo di origine sudamericano.

Meglio se tenuto in gruppi di almeno una decina di esemplari, se tenuto solo è soggetto a stress che può portare anche alla morte.

Il cardinale ha bisogno di un’illuminazione debole, ottenuta posizionando piante galleggianti nella vasca. La temperatura deve essere attorno ai 23-25 C anche se può stare a temperature superiori. Si consiglia un ph leggermente acido attorno ai 5,5-6,5 e una durezza bassa (5 dGH). Sono pesci cagionevoli alle grandi quantità di minerali come i sali di calcio.

 

Riproduzione: Se si è intenzionati nel far riprodurre questi pesci è bene usare come nutrimento solo cibo fresco per diversi giorni consecutivi (alcuni testi consigliano insetti finemente sminuzzati) e rendere l’acqua leggermente acida.

La femmina può deporre fino a 500 uova al calar della luce. Una volta deposte le uova i genitori possono cibarsene, quindi è consigliato separarli dalla futura prole.

Andrea Senese